C’era una volta…Quanti libri per bambini!

Mi sono resa conto che non tutti i bambini amano farsi leggere le favole. Nel mio caso, mio figlio che ha tre anni e mezzo, riesce a mantenere l’attenzione solo se gli propongo libri interattivi. E’ molto vivace, ama guardare i cartoni animati e la sera sopporta per poco le letture che gli impongo a giorni alterni. Con i libri interattivi invece, devo dire che è diverso. E’ incuriosito, partecipa alla storia e allo stesso tempo, impara.

Generalmente, oltre ai libri elettronici noti più o meno alla gran parte del mondo occidentale, per i bimbi esistono una gran varietà di libri interattivi, che portano i nostri mini esploratori ad azioni vere e proprie come toccare, sentire, giocare con il libro.

I libri interattivi sono un ottimo strumento per attivare l’interesse e la partecipazione dei bambini.

Esistono diverse tipologie di libri interattivi, ciascuno con le sue peculiarità. Vediamo le principali:

  • libri che hanno al loro interno dei giochi: per esempio unisci i puntini, colora le pagine, completa il puzzle, trova le differenze, etc.
  • libri con le finestrelle:ogni pagina ha al suo interno delle finestrelle che consentono di vedere altri disegni ed immagini, donando al libro l’effetto sorpresa, tra i miei preferiti quelli della Collezione Usoborne Edizioni, casa editrice inglese.
  • libri animati o pop-up: realizzati con particolari tecniche di piegature della carta che danno l’illusione del movimento o della tridimensionalità. Questi tipi di libri sono più adatti a piccoli lettori dai 4 anni in su, se sono troppo piccini, la voglia di strappare le immagini sarà più forte di ascoltare la favola (ve lo dico per esperienza personale!)
  • libri fustellati e con i buchi, prevedono tagli e buchi nelle pagine, consentendo al mini lettore di toccare, osservare e dar spazio alla sua fantasia.
  • libri tattili con inserti in stoffa, plastica ecc. da toccare e accarezzare. Qualche tempo fa comprai un libro sugli animali. Il bambino ha trascorso due ore a toccare le pagine, senza mai perdere l’attenzione.
  • libri con adesivi da posizionare qua e là nell’albo, da staccare e riattaccare etc. potrebbero essere paragonati a degli album con le figurine, la differenza è nella grafica, nella storia, e nell’impaginazione.
  • libri sonori presentano elementi che, una volta toccati, emettono varie sonorità, per esempio il clacson dell’automobile, il campanello della bicicletta e via dicendo. Adatti per i più piccini.
  • libri creativi spiegano passo passo come fare a creare qualcosa: per esempio le sculture coi palloncini, i vestitini per le bambole, le collanine etc. Dunque questi, libri sono adatti a lettori un po’ più grandi, direi dai sei anni in su.

All’inizio del mio viaggio nel mondo dei bambini, conoscevo davvero poco delle favole di oggi.

Ora invece, sto scoprendo un variegato mondo estremamente prezioso e interessante, fatto di collane, scrittori, illustratori brillanti, capace di rubare l’attenzione anche ai bambini più vivaci e poco inclini ai racconto e alle favole.

Rimanete con me e vi farò conoscere i miei preferiti!

Stay tuned!

The pink blonde Pepper

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *