Zitti. Dovete Stare zitti.

Avviso ai naviganti, ai navigati e ai maschi italici: dovete tacere. Zitti. Cucirvi quella bocca che sembra sia collegata più al vostro uccello che alla vostra testa.

Perché, forse non l’avete ancora capito, ma le donne, quando sono coinvolte credono ad ogni singola parola, la registrano nel loro cervello e non la dimenticano neanche dopo venti anni. Io ricordo ancora alla perfezione ogni frase del mio primo fidanzato.

Poi non vi lamentate se dopo averci fatto sesso ed essere scomparsi, vi arrivano messaggi irosi e risentiti. Se va bene. Perché se va male, la malcapitata vi si presenta sotto l’ufficio e vi sbrocca. E fa benissimo.

E’ giunto il momento di insegarvi due cosucce. Così magari sarete perfettamente in grado di gestire nel migliore dei modi un rapporto post sesso. Perché credetemi, vi trasformate in dei babbei, cretini, senza spina dorsale. Fate ride.

Non mi riferisco a quelli onesti, retti e sinceri. Ma a quelli che come vedono amica chips partono con i proclami d’amore.

Sono mesi che mi arrivano mail di donne furibonde e lo stesso mi raccontano le mie amiche più care.

Ad esempio, quando vi capita di uscire con una ragazza che vi piace, va bene essere carini. Anzi, dovete esserlo, perché noi non abbiamo voglia di uscire con gli unni scesi dalla montagne. Ma se la usate per uno scopo solo, evitate. Perché se dopo aver ottenuto quello che volevate, tornare i soliti coglioni, freddi e distanti, non potete aspettarvi che la donna in questione la prenda con simpatia.

“quanto sei bella, mi piaci, sei l’unica”

Ma unica de che?

“ partiamo, non vedo l’ora di passare del tempo con te”

E poi scompare.

“ Io ora non vedo l’ora di prendermi cura di te, di accarezzarti, di starti  vicino”

Dopo una settimana, ghosting.

“quanto sto bene con te, credo di essermi innamorato.”

Credo? Dopo due settimane? Eclissati.

Basta di meno. Molto di meno. Non è che se siete carini lei ve la da di sicuro, e se siete diretti no. Anzi vi svelo un segreto: se mettete subito le cose in chiaro, è meglio per entrambi. E poi, potete sempre dire “io te lo avevo detto che non volevo fidanzarmi”, e avreste ragione.

Invece no. Usate frasi sdolcinate e poi scomparite. Il lunedì prima proponete week end romantici, il venerdì  scomparite come bolle di sapone.

Poi non vi lamentate se una vi prende a calci in culo. O se vi manda messaggi incazzata come una biscia.

Dovete essere onesti, Dio santissimo. Dire pane al pane e vino al vino. In altri termini:

-mi piace voglio troppo trombarti ma domani non aspettarti nulla

Oppure

-mi piaci voglio trombarti ma non mi voglio fidanzare quindi amici come prima

Che poi il succo è lo stesso.

Questa è la grande forza. Levate le frasi da provola, da innamorati e da corteggiatori seriali, se in realtà già sapete che dopo qualche settimana, vi sarete rotti i coglioni.

Insomma, vi conoscerete? Se siete in un periodo scopereccio, perché metterci dentro il romanticismo? Se sapete che dopo qualche settimana, vi verrà voglia di scappare su Marte,  perché dovete dire delle cose che tanto dopo due giorni non penserete più?

Zitti, dovete stare zitti. Dovete essere gentili, e quello ci sta. Farci fare una bella nottata come si deve, ma dovete chiudere quella boccaccia. Usatela per fare altro. La mamma non vi ha insegnato a non dire cavolate? Ecco, seguite i suoi consigli.

Ed evitateci anche i messaggi-cuscinetto del giorno dopo. I più ridicoli, quelli senza senso, dove scrivete il bollettino delle vostre giornate. Non ce ne frega un cazzo di quello che fate. O mandate messaggi di un certo spessore, oppure ancora una volta, usate il dito per fare cose più costruttive (come pulirvi il naso).

Se piacete tanto a una donna, tranquilli. Che a letto con voi prima o poi ci verrà. O ci tornerà di nuovo. Senza lusinghe inutili.

Per l’uomo, il sesso è sesso e basta. La donna invece ci mette sempre un pizzico di sentimento. Evitate di trucidarci gli ultimi brandelli di cuore che ci sono rimasti. Lo dico anche per voi. Non c’è cosa peggiore di un messaggio che recita:

“ma tu avevi detto che eri preso, che volevi stare con me, che non era solo sesso”

Ripetete con me: se so che cambierò idea nell’arco di due settimane, niente promesse, niente frasi romantiche, niente di niente.

Ora, per noi donne. Cerchiamo di essere razionali, un minimo. Non possiamo credere ad ogni favola, non siamo in un film della Disney. Quello che dichiara amore dopo due settimane, fa parlare i suoi ormoni, non il suo cuore.

Quello che parte in quarta, sicuro si sgonfierà come un palloncino nell’arco di poco tempo. Evitiamo di mandargli messaggi umilianti. Lasciamoli cuocere nel loro brodo.

Chi ci tiene veramente, farà i fatti.

Per la vendetta, che è giusta, vi consiglio di aspettare. Essere prudenti e calcolatrici. E vedrete che tutte le cazzate che ci hanno detto, gli si ritorceranno contro come un boomerang, quando presi dalla secca più totale, torneranno con un messaggio, scritto direttamente dal loro arnese.

The Pink Blonde Pepper

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *